Open Innovation: un fattore competitivo fondamentale per le banche

Open Innovation: un fattore competitivo fondamentale per le banche

Lo studio GFT rivela: gli istituti finanziari devono essere aperti ad iniziative esterne

Milano, 4 Marzo 2014 - Una banca domanda ai propri clienti che cosa si potrebbe mettere in campo per migliorare i suoi servizi e poi assegna un premio per i suggerimenti più apprezzati. Un altro istituto finanziario include i propri dipendenti nello sviluppo di nuovi standard di servizio. Questi sono solo due esempi legati al concetto di 'Open Innovation'. Nodale in questo concetto è evidentemente il coinvolgimento di partner esterni - con tutta la loro esperienza, competenza e capacità - nel processo di innovazione.

Il potenziale che l’Open Innovation genera per le banche è stato delineato in un nuovo studio pubblicato da GFT, uno dei principali fornitori internazionali di soluzioni IT per il settore finanziario .

"Le condizioni di mercato per i fornitori di servizi finanziari stanno cambiando sempre più rapidamente", afferma Marika Lulay, Chief Operating Officer di GFT. Le nuove tecnologie stanno forzando il passo del management bancario sul mercato obbligandolo ad agire per non restare indietro – dal punto di vista digitale.La crisi finanziaria ha avuto un rapido impatto sui clienti, la cui lealtà è crollata. Ecco perché è sempre più importante per le istituzioni finanziarie differenziarsi con prodotti e servizi innovativi – inclusi quelli dei nuovi concorrenti." Esempi di nuovi concorrenti sono società di e-commerce o aziende che offrono servizi di pagamento. In sostanza, tutti vogliono avere un ruolo nell’azione".

Lo studio GFT, "Open Innovation nel settore dei servizi finanziari - perché e come agire", indica come le banche possono affrontare le nuove pressioni derivanti dall’innovazione. L’impulso al cambiamento non viene solo dall'interno dai reparti in-house di sviluppo, ma piuttosto da fonti esterne. Partner esterni - fornitori, clienti, progettisti o aziende partner di diversi settori - sono coloro che stanno diffondendo una nuova prospettiva sul tema dell'innovazione. Il vantaggio: sono spesso molto più vicini al target group e possono infondere ad idee ormai deteriorate, freschezza, novità, capacità di pensare con creatività e al di fuori degli schemi.
Prosegue Marika Lulay, "Tradizionalmente, le banche tendono ad essere le prime ad adottare nuove soluzioni tecnologiche ma queste innovazioni sono generalmente orientate verso l'ente stesso e relative ai processi in esecuzione nel background. Nell'economia digitale, tuttavia, è importante far si che i benefici del cliente siano più visibili e tangibili. In altre parole, in molti casi le banche devono ripensare completamente il loro approccio all'innovazione."

Lo studio include esempi di programmi di successo in tema di Open Innovation, mostrando come i nuovi metodi possano essere ampiamente applicati. Questi spaziano da modelli di crowdsourcing (dove i clienti finali sono coinvolti nella progettazione di prodotti e servizi) ad iniziative imprenditoriali (in cui le imprese investono in start-up). Per le aziende che stanno pensando di attuare l'innovazione aperta in autonomia, la cosa importante da sottolineare è che l'approccio adottato sia strettamente legato con la strategia globale della società. Dopo tutto, la chiave del successo della Open Innovation è la volontà di “aprire la porta” a idee al di fuori del business.

Lo studio GFT sarà presentato al CeBIT il 12 marzo.

Lo studio GFT - 'Open Innovation nel settore dei servizi finanziari - Perché e come agire' - è disponibile gratuitamente.

Visita il sito web GFT per i dettagli

Inoltre, GFT illustrerà i principali risultati dello studio al CeBIT di quest'anno ad Hannover. La presentazione si terrà sul palco CODE_n nel padiglione 16 il 12 marzo, a partire dalle 12.45. Il Dott. Ignasi Barri, uno degli autori dello studio, traccerà le evidenze più significative. Gli autori dello studio saranno disponibili per approfondimenti durante la settimana del CeBIT.

 
GFT Italia
GFT Italia* è parte del Gruppo GFT, basato in Germania e provider mondiale di soluzioni IT per il settore finanziario, bancario e assicurativo presente in Spagna, Regno Unito, Francia, Svizzera, Brasile e Stati Uniti. GFT Italia si avvale di oltre 500 dipendenti presso le sedi di Milano, Firenze, Siena, Torino, Parma, Piacenza, Padova, Genova, Palermo e vanta un portafoglio di offerta che comprende Business & IT Consulting, Digital Marketing & Communication, IT Solution&Services e Managed Services. GFT Italia collabora con i propri clienti condividendo esigenze, processi decisionali e opportunità di business coniugando le solide esperienze e la profonda conoscenza dei diversi settori di mercato con le competenze specialistiche di Program Management & Consulting, System Integration e Service Management. www.gft.com/it

*Dal 1 Gennaio 2014 Sempla ha cambiato ragione sociale in GFT Italia

Le condizioni di mercato per i fornitori di servizi finanziari stanno cambiando sempre più rapidamente. Le nuove tecnologie stanno forzando il passo del management bancario sul mercato obbligandolo ad agire per non restare indietro – dal punto di vista digitale.La crisi finanziaria ha avuto un rapido impatto sui clienti, la cui lealtà è crollata. Ecco perché è sempre più importante per le istituzioni finanziarie differenziarsi con prodotti e servizi innovativi – inclusi quelli dei nuovi concorrenti.”
Marika Lulay COO GFT
Quote